Placeholder address.
info@paradigma.it
011 538686

Iniziative In Programma

Caricamento Eventi

La ridefinizione del Golden power nel D.L. n. 21/2022

  • Le novità introdotte alla luce del mutato contesto internazionale
  • I presupposti per l’esercizio dei poteri speciali e la casistica applicativa

I docenti, nel corso dell’evento formativo, risponderanno alle domande e alle richieste di chiarimenti formulate dai partecipanti. Eventuali quesiti potranno essere anticipati inviando una email all’indirizzo info@paradigma.it

Evento in videoconferenza

6 luglio 2022

Contenuti dell’evento

Nel corso dell’intervento formativo, verrà analizzato il quadro giuridico di riferimento in materia di “Golden power”, così come modificato dal recente D.L. n. 21/2022, convertito in legge il 20 maggio scorso (L. n. 51/2022).

Come noto, l’istituto dei poteri speciali è stato introdotto nel nostro ordinamento nel 2012, dopo che una procedura di infrazione comunitaria aveva contestato la compatibilità con il diritto UE del previgente istituto della golden share, concepita dal legislatore nel 1994 (dunque, in epoca di privatizzazioni) per tutelare interessi vitali dello Stato nel processo di dismissione di imprese pubbliche, operanti in settori di rilevanza strategica, nei quali veniva a cessare il suo ruolo di azionista di controllo. In particolare, la Commissione ebbe a censurare la golden share ritendendola lesiva del principio della libera circolazione dei capitali.

Si giunse quindi alla messa a punto del nuovo strumento del golden power, con L. n. 56/2012, “Norme in materia di poteri speciali sugli assetti societari nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché per le attività di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni”, che assegna allo Stato il potere di esercitare poteri speciali nei confronti di tutte le società che svolgono attività di rilevanza strategica. Grazie a tale istituto, è possibile imporre specifiche condizioni all’acquisto di partecipazioni o porre il veto all’adozione di delibere relative a operazioni straordinarie o di particolare rilevanza, capaci di compromettere gli interessi nazionali.

In piena crisi Covid, la Commissione europea ha emanato una Comunicazione (26 marzo 2020) con la quale invitava gli Stati membri “ad avvalersi appieno (…) dei meccanismi di controllo degli investimenti esteri diretti”, per fronteggiare il rischio di tentativi di acquisizione di imprese strategiche, con la conseguente “perdita di risorse e tecnologie critiche”, sottolineando che il Regolamento UE n. 452/2019, che individua una cornice giuridica comune in materia di controllo degli investimenti esteri diretti da parte degli Stati membri, è applicabile “a tutti i settori dell’economia”, senza limiti quantitativi delle operazioni.

Detto Regolamento, operativo dall’ottobre 2020, ha posto agli Stati membri l’esigenza di dotarsi ex novo di una disciplina interna in materia o, laddove già ne disponessero, di adeguare gli strumenti normativi già disponibili. L’Italia, che già aveva adottato l’istituto del “Golden power”, ha quindi proceduto al suo ulteriore ampliamento e potenziamento, tanto per ciò che concerne la dimensione delle imprese “difendibili”, quanto per ciò che riguarda i settori da proteggere e la provenienza degli investimenti esteri.

I settori identificati come strategici sono via via aumentati, fino ad includere i servizi di comunicazione elettronica a banda larga basati sulla tecnologia 5G (D.L. n. 22/2019, c.d. “Decreto Brexit”, poi convertito in L. n. 41/19) e sono stati ampliati ulteriormente nel 2020, con la legge di conversione del c.d. “Decreto Liquidità” (Legge n. 40/20) che prevede la possibilità di controllare operazioni societarie e scalate eventualmente ostili non solo nei settori tradizionali delle infrastrutture critiche e della difesa, ma anche in quello finanziario, creditizio, assicurativo, energia, acqua, trasporti, salute, sicurezza alimentare, intelligenza artificiale, robotica, semiconduttori, cybersecurity”, rinviando a successivi DPCM (in seguito effettivamente emanati) ulteriori puntualizzazioni sull’ambito di applicazione oggettivo della normativa.

Il D.L. n. 21/2022, emanato per far fronte agli effetti della crisi ucraina, reca un nuovo intervento di rafforzamento dei poteri speciali, all’interno di un Titolo IV significativamente rubricato “Rafforzamento dei presidi per la sicurezza, la difesa nazionale e per le reti di comunicazione elettronica”. Tra le novità più importanti, l’estensione del golden power alle concessioni di grande derivazione idroelettrica e, più in generale, a tutti i beni e i rapporti di rilevanza strategica per l’interesse nazionale, anche se oggetto di concessioni, nonché la creazione di una struttura amministrativa, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con compiti di valutazione e analisi strategica, e il rafforzamento dei poteri ispettivi in materia da parte della Guardia di Finanza.

Destinatari dell’evento

L’evento formativo è rivolto ai General Counsel, ai Legal Counsel, ai legali interni alle aziende e ai liberi professionisti operanti in ambito regolatorio, antitrust e societario.

Obiettivi dell’evento

Obiettivo dell’incontro è presentare un quadro dettagliato e completo delle modalità operative del “Golden power” e dei presupposti per la relativa attivazione alla luce del recente intervento normativo di modifica.

Mercoledì 6 luglio 2022

Dalla “golden share” al “golden power”: difesa di interessi vitali dello Stato vs. libera iniziativa economica e libera circolazione dei capitali
La L. n. 47/94 e la golden share in caso di privatizzazione di imprese pubbliche
La procedura di infrazione europea sulla golden share
Il passaggio al modello dei poteri speciali (L. n. 56/2012) e la successiva, progressiva espansione degli stessi
Il Regolamento UE n. 452/2019 e la messa a punto di un quadro comune europeo sul controllo degli investimenti esteri diretti
La L. n. 40/2020 e l’ulteriore ampliamento dei poteri speciali
I problemi aperti sul piano della compatibilità eurounitaria e costituzionale dei poteri speciali così come da ultimo configurati e il deficit di tutela per l’operatore economico
Prof. Avv. Marcello Clarich
Sapienza Università di Roma

Poteri speciali e diritto societario
Poteri speciali in caso di acquisto di partecipazioni: delimitazione del campo di applicazione
Poteri speciali di veto a determinate delibere, atti o operazioni
Poteri speciali e operazioni infragruppo
Prof. Avv. Vincenzo Donativi
LUM Giuseppe Degennaro di Casamassima

Profili procedimentali dell’applicazione dei poteri speciali: presupposti e limiti del loro esercizio
La base normativa
La prenotifica
Il procedimento d’ufficio
I principi evincibili dalla giurisprudenza interna ed europea
Esame della casistica
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Poteri speciali nella difesa e sicurezza nazionale nel quadro dell’emergenza bellica
Attivi strategici nella sicurezza nazionale
I decreti di individuazione
Sicurezza degli approvvigionamenti
Sicurezza delle informazioni
Trasferimenti tecnologici
Controllo delle esportazioni
Operazioni rilevanti
Modalità di esercizio del potere di veto
Opposizione all’acquisto
Imposizione di specifiche condizioni o prescrizioni
La minaccia di grave pregiudizio
Attività che incidono sulla sicurezza e ordine pubblico
Il grave rischio di attività illegali o criminali
Chi deve notificare
Quando si deve notificare
Come si deve notificare
L’emergenza bellica e le conseguenze sul piano dei poteri speciali
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Poteri speciali nel 5 G
Infrastrutture e servizi 5 G
Il piano d’acquisto
L’approvazione del piano
Acquisto di beni o servizi 5 G
Contratti di progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione delle reti inerenti ai servizi su base 5 G
Programma degli acquisti
Fornitori attuali e potenziali
Descrizione acquisto e specifiche tecniche
L’informativa sui contratti già autorizzati
Chi deve notificare
Quando si deve notificare
Come si deve notificare
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Poteri speciali nei settori dell’energia, dei trasporti, delle comunicazioni
Attivi strategici nei settori energetici
Attivi strategici nei trasporti
Attivi strategici nelle comunicazioni
I regolamenti di individuazione
Le operazioni rilevanti
La notifica
I poteri di veto e di opposizione
Le prescrizioni
le relazioni di ottemperanza
Chi deve notificare
Quando si deve notificare
Come si deve notificare
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Poteri speciali nei settori ad alta intensità tecnologica e nel settore finanziario
Gli asset
I regolamenti di individuazione
Le operazioni rilevanti
La notifica
I poteri di veto e di opposizione
Le prescrizioni
Le relazioni di ottemperanza
Chi deve notificare
Quando si deve notificare
Come si deve notificare
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Poteri speciali e Perimetro di sicurezza cibernetica
La ridefinizione dei poteri speciali in materia di servizi di comunicazione elettronica a banda larga basati sulla tecnologia 5G e cloud
La connessione Golden Power/Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica
Golden Power e rafforzamento della disciplina cyber: i casi delle società tecnologiche russe
Avv. Stefano Mele
Gianni & Origoni

Modalità concrete e oneri procedurali
L’utilizzo della modulistica
I termini
L’incidenza delle sospensioni disposte dai decreti Covid
Il procedimento
L’istruttoria
La collaborazione tra autorità amministrative
La partecipazione del notificante
La partecipazione di terzi
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Il sistema sanzionatorio e la tutela giurisdizionale
Il sistema sanzionatorio civile
Il sistema sanzionatorio penale
Il sistema sanzionatorio amministrativo
La tutela giurisdizionale
La casistica giurisprudenziale
Avv. Domenico Ielo
Studio Legale Ielo

Prof. Avv. Marcello Clarich
Ordinario di Diritto Amministrativo
Sapienza Università di Roma
Studio Legale Clarich

Prof. Avv. Vincenzo Donativi
Ordinario di Diritto Commerciale
LUM Giuseppe Degennaro di Casamassima
LUISS Guido Carli di Roma
Studio Legale Donativi e Associati

Avv. Domenico Ielo
Partner
Studio Legale Ielo

Avv. Stefano Mele
Partner
Gianni & Origoni

Quota di partecipazione

La quota di partecipazione in aula virtuale (diretta streaming) include la consegna del materiale didattico in formato elettronico e la possibilità di sottoporre ai relatori quesiti di specifico interesse a mezzo chat. E’ altresì possibile anticipare domande e richieste di approfondimento inviando una email a info@paradigma.it entro il giorno antecedente l’evento.

In caso di videoconferenza con accessi multipli è necessario contattare la Segreteria organizzativa per un preventivo personalizzato.

Modalità di funzionamento della videoconferenza

E’ possibile accedere all’aula virtuale da qualsiasi luogo, utilizzando il proprio PC o tablet con una semplice connessione a Internet. La piattaforma informatica utilizzata da Paradigma (Adobe Connect) non necessita di requisiti tecnici particolari.

Nei giorni antecedenti l’evento il partecipante riceverà per posta elettronica le credenziali e le istruzioni di accesso. Il giorno dell’evento sarà sufficiente selezionare il link che troverà nella mail e inserire le credenziali per accedere all’aula virtuale.

Durante gli interventi, oltre a vedere e sentire i docenti, è possibile consultare simultaneamente la documentazione predisposta dal relatore. Ogni utente collegato potrà porre domande sulle tematiche affrontate a mezzo chat, alle quali il docente risponderà nel corso dell’intervento.

Modalità di iscrizione

L’iscrizione si perfeziona al momento del ricevimento del modulo di registrazione, da inviare via email all’indirizzo info@paradigma.it, integralmente compilato. Il numero dei collegamenti disponibili è limitato e la priorità d’iscrizione è determinata dalla data di ricezione del modulo di registrazione. Si consiglia pertanto di effettuare una preiscrizione telefonica.

Modalità di pagamento

La quota di partecipazione deve essere versata all’atto della presentazione della richiesta di iscrizione e, in ogni caso, prima dell’effettuazione dell’intervento formativo, tramite bonifico bancario intestato a:

Paradigma Srl – Corso Vittorio Emanuele II, 68 – 10121 Torino
c/o Banco BPM Spa
IBAN IT14V0503401017000000002530

Formazione finanziata

La quota di partecipazione può essere completamente rimborsata tramite voucher promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Paradigma offre la completa e gratuita gestione delle spese di progettazione, monitoraggio e rendicontazione. La possibilità di accedere alla formazione finanziata con partecipazione mediante videoconferenza può variare a seconda dell’Ente erogante.

Attestato di frequenza

L’attestato di partecipazione nominativo sarà inviato al termine dell’intervento formativo ai partecipanti che si sono regolarmente collegati all’aula virtuale.

Diritto di recesso e modalità di disdetta

E´ attribuita ai partecipanti la facoltà di recedere ai sensi dell’art. 1373 c.c. Il recesso dovrà essere comunicato in forma scritta almeno sette giorni prima della data di inizio dell’evento formativo (escluso il sabato e la domenica). Qualora la disdetta pervenga oltre tale termine o si verifichi di fatto con il mancato collegamento alla videoconferenza, la quota di partecipazione sarà addebitata per intero e sarà inviato al partecipante il materiale didattico. In qualunque momento l’azienda o lo studio potranno comunque sostituire il partecipante, comunicando il nuovo nominativo alla nostra Segreteria organizzativa.

Variazioni di programma

Paradigma, per ragioni eccezionali e imprevedibili, si riserva di annullare o modificare la data dell’intervento formativo, dandone comunicazione agli interessati entro tre giorni dalla data di inizio prevista. In tali casi le quote di partecipazione pervenute verranno rimborsate, con esclusione di qualsivoglia onere o obbligo a carico di Paradigma. Paradigma si riserva inoltre, per ragioni sopravvenute e per cause di forza maggiore, di modificare l’articolazione del programma e di sostituire i docenti previsti con altri docenti di pari livello professionale.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Segreteria organizzativa al numero 011.538686 o all’indirizzo email info@paradigma.it.

Quota aula

Quota videoconferenza

€ 1.100 + Iva

In caso di videoconferenza con accessi multipli è necessario contattare la Segreteria organizzativa per un preventivo personalizzato.

Early booking -20%
Inviando il modulo di iscrizione entro il 15 giugno si avrà diritto a una riduzione del 20% sulla quota di partecipazione.

Progetto Giovani Eccellenze -50%
L’adesione all’evento formativo permette di iscrivere una seconda risorsa, che non abbia compiuto il 30° anno di età e proveniente dalla stessa organizzazione, con una riduzione del 50% sulla seconda quota di partecipazione. L’agevolazione è calcolata sulla quota ordinaria.

Formazione finanziata
La quota di partecipazione all’iniziativa può essere completamente rimborsata tramite voucher promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Paradigma offre la completa e gratuita gestione delle spese di progettazione, monitoraggio e rendiconto.

Mercati elettronici della PA
Paradigma opera sul MePA e sui principali mercati elettronici di soggetti aggregatori e centrali di committenza.


I campi con (*) sono obbligatori

Dati relativi all'evento

Dati relativi al richiedente

Dati per eventuale partecipante under 30

Dati per la fatturazione elettronica

  Split Payment:
Si
No

Per informazioni contattare


L'iscrizione all'evento formativo si intende perfezionata al momento del ricevimento, da parte di Paradigma Srl, del presente modulo di registrazione compilato in ogni sua parte, stampato, firmato e inviato via e-mail all'indirizzo info@paradigma.it. Riceverete via email conferma dell'avvenuta iscrizione.


I dati forniti a Paradigma Srl sono raccolti e trattati, con modalità anche informatiche, esclusivamente per evadere la Sua richiesta di partecipazione all’intervento formativo e svolgere le attività a ciò connesse. I dati potranno essere trattati, per conto di Paradigma Srl, da dipendenti e collaboratori incaricati di svolgere specifici servizi necessari all’esecuzione delle Sue richieste. Il conferimento dei suoi dati, pur essendo facoltativo, si rende necessario per l’esecuzione del servizio richiesto. Solo in caso di Sua autorizzazione i dati saranno inoltre conservati e trattati da Paradigma Srl per effettuare l’invio di materiale informativo relativo a prossime iniziative di Paradigma Srl. Lei potrà esercitare i diritti sanciti agli artt. 15 – 22 del Regolamento (UE) 2016/679 inviando una richiesta scritta a Paradigma Srl con sede in Torino, C.so Vittorio Emanuele II, 68, tel. 011.538686, fax 011.5621123. Letta l’informativa, acconsente all’utilizzo dei dati inseriti nel presente modulo per l’invio del materiale informativo?
Mod. 3.4 Rev. 3 del 23/11/2019