Placeholder address.
info@paradigma.it
011 538686

Iniziative In Programma

Caricamento Eventi

Anticorruzione e Trasparenza

Monitoraggio, rendicontazione e implementazione dei Piani

  • La verifica dei Piani in itinere e a consuntivo
  • La relazione del RPCT
  • Le tecniche di redazione del Piano
  • Amministrazione Trasparente e FOIA
  • Il bilanciamento con le regole privacy

Roma, 23 e 24 ottobre 2019

Marriott Grand Hotel Flora

Via Vittorio Veneto, 191

Contenuti dell´evento

Il seminario offre una approfondita analisi dello stato dell’arte e degli ultimi aggiornamenti di prassi in materia di anticorruzione e trasparenza nell’ottica di supportare le Pubbliche Amministrazioni e le società partecipate nell’attività di monitoraggio, rendicontazione e implementazione dei rispettivi Piani Triennali di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (PTPCT), anche con riferimento alle misure in tema di trasparenza amministrativa e accesso civico, semplice e generalizzato (FOIA).

In particolare, nel corso della prima giornata saranno affrontati i temi prioritari – tra cui il controllo in ordine alla corretta attuazione delle misure e la verifica di efficacia dei PTPCT, anche alla luce della vigilanza di ANAC, e la regolamentazione interna del whistleblowing, come modificato dalla Legge n. 179/2017 – e saranno altresì fornite indicazioni pratiche e metodologie per la messa a regime delle misure di prevenzione in essere.

La seconda giornata è dedicata alla trasparenza amministrativa e alla gestione delle istanze di accesso civico generalizzato, anche alla luce della prassi interna recentemente adottata dall’ANAC e degli indirizzi diramati dal Dipartimento della Funzione Pubblica, nel bilanciamento con la nuova normativa in materia di privacy (GDPR).

La trattazione sarà a cura dei autorevoli esperti della materia provenienti dalla Corte dei Conti, dai Tribunali Amministrativi Regionali, dall’Università, da Amministrazioni e Società pubbliche nonché da primari studi legali e di consulenza.

Il taglio pratico e l’aggiornamento agli ultimi orientamenti, di prassi e giurisprudenza, in materia fanno di questo evento un’occasione unica per adempiere agli obblighi formativi di livello specifico ed efficientare i sistemi di controllo interno e trasparenza di tutti gli enti variamenti soggetti agli obblighi della Legge n. 190/2012.

Destinatari dell’evento

L’evento formativo è rivolto ai RPCT, alla relativa struttura di supporto, ai Referenti interni e a tutta la linea dirigenziale coinvolta nella progettazione e attuazione del sistema di controllo interno e della trasparenza amministrativa, provenienti dalle Pubbliche Amministrazioni e dalle diverse entità soggette – in varia misura – ai dettami della Legge n. 190/2012 (società pubbliche, fondazioni, associazioni, enti pubblici economici, autorità di sistema portuale, etc.).

L’iniziativa è altresì rivolta agli specialisti dell’auditing e del diritto amministrativo operanti nelle materie trattate, per i quali il convegno rappresenta una importante occasione di incontro e approfondimento.

Obiettivi dell´evento

Obiettivo del seminario è fornire ai partecipanti una rappresentazione articolata di strumenti operativi e soluzioni pratiche in tema di anticorruzione e trasparenza amministrativa, nell’ottica di un pieno adeguamento alla vigente normativa e prassi di riferimento, anche attraverso simulazioni in aula e l’analisi di best practice, casi concreti e criticità applicative.

Prima giornata
Roma, mercoledì 23 ottobre 2019

MONITORAGGIO, VERIFICA E AGGIORNAMENTO DEL PTPCT

La governance in materia di anticorruzione e trasparenza
Il ruolo, le funzioni e i poteri del RPCT nel vigente quadro regolatorio
I criteri di individuazione del RPCT e l’articolazione dell’incarico (durata, rinnovo, forme di retribuzione, etc.)
La regolamentazione interna dell’ufficio del RPCT a opera dei singoli Enti
Le responsabilità e le sanzioni direttamente riconducibili all’ufficio del RPCT
Le difficoltà pratiche nell’assolvimento del ruolo (autonomia, indipendenza, adeguata formazione professionale, clausola di invarianza finanziaria, partecipazione attiva del personale nell’implementazione del sistema interno di contrasto alla corruzione e della trasparenza, etc.)
Il Regolamento sull’esercizio del potere dell’ANAC di richiedere il riesame dei provvedimenti di revoca o di misure discriminatorie adottati nei confronti del RPCT per attività svolte in materia di prevenzione della corruzione
Il danno erariale per affidamento a terzi della redazione del PTPCT
Cons. Giancarlo Astegiano
Corte dei Conti

Vigilanza, ispezioni e sanzioni in materia di anticorruzione e incarichi
La piattaforma telematica per il monitoraggio dei PTPCT di ANAC
La vigilanza dell’ANAC come strumento di controllo, autocorrezione e accertamento di irregolarità e illiceità
Le Direttive Programmatiche e il Piano Annuale delle Ispezioni
Le aree oggetto di vigilanza da parte dell’Autorità, con particolare riferimento a:
 Piani Triennali di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, misure integrative ex D. Lgs. n. 231/2001 e misure di prevenzione
 Codice di comportamento: disposizioni specifiche dei singoli Enti
 inconferibilità e incompatibilità di cariche e incarichi
Gli orientamenti dell’ANAC
Il Regolamento ANAC in materia di esercizio del potere sanzionatorio del 16 marzo 2016: profili inerenti alle misure di prevenzione della corruzione
Lo stato dell’arte in materia di sanzioni irrogate dall’ANAC
Cons. Giancarlo Astegiano
Corte dei Conti

Il monitoraggio periodico del PTPCT e le relative forme di rendicontazione: procedure e strumenti operativi in vista della relazione di fine anno
Il monitoraggio del PTPCT e delle misure di prevenzione della corruzione ivi previste sulla base alle indicazioni dell’ANAC: procedure e strumenti operativi
Gli audit periodici su base campionaria e i controlli mirati
I flussi informativi da e verso il RPCT
La relazione annuale del RPCT
Prof. Avv. Gaetano Caputi
Scuola Nazionale dell’Amministrazione

Il whistelblowing per le PA e le società pubbliche
La Legge n. 179/2017: finalità e ambito di applicazione
La necessità di rafforzare le tutele del segnalante: aspetti di continuità e profili innovativi rispetto al precedente perimetro normativo e di prassi (Determinazione ANAC n. 6/2015)
Il whistleblower: definizione di “dipendente pubblico” ai sensi del nuovo art. 54-bis, comma 2, del D. Lgs. n. 165/2001 ed estensione della tutela verso gli ulteriori soggetti in rapporto con l’Ente interessato
Gli illeciti oggetto di segnalazione
Le segnalazioni whistleblowing e gli obblighi di denuncia
La struttura della segnalazione: anagrafica del segnalante, descrizione dell’illecito, individuazione dell’autore, precisazione di elementi a comprova della segnalazione, documentazione allegata, etc.
I destinatari della segnalazione
La regolamentazione e la gestione operativa delle segnalazioni
Le tutele e le responsabilità del segnalante
Il regime sanzionatorio
Prof. Avv. Gaetano Caputi
Scuola Nazionale dell’Amministrazione

L’aggiornamento del PTPCT per il triennio 2019/2021
L’implementazione dell’analisi del contesto esterno all’Ente di riferimento: reperimento e analisi di studi e indagini, accesso alle banche dati istituzionali, collaborazioni con altri Enti
L’aggiornamento del contesto interno all’Ente di riferimento alla luce dei mutamenti organizzativi e gestionali intervenuti in corso d’anno
Le metodologie da utilizzare ai fini dell’implementazione della mappatura dei processi
La valutazione del rischio: identificazione, analisi e ponderazione del rischio secondo modelli differenti da quanto previsto dall’Allegato 5 al PNA (Delibera Civit n. 72/2013)
Il trattamento del rischio: progettazione e programmazione delle misure di prevenzione e dei correlati strumenti e indicatori di attuazione
La redazione dell’action plan e la calendarizzazione dei termini di attuazione delle singole misure di prevenzione (cronoprogramma delle misure)
L’opportunità di procedere alla revisione del Codice di comportamento interno in relazione alle patologie emerse in corso d’anno
Le misure di sensibilizzazione degli operatori economici e della società civile nel percorso di costruzione del sistema di prevenzione della corruzione e della trasparenza
Avv. Domenico Ielo
Ielo Mangialardi

Le integrazioni al Modello 231 per le società pubbliche
La Determinazione ANAC n. 1134 dell’8 novembre 2017: le criticità attuative
Integrazione del Modello 231 o Piano Anticorruzione autonomo?
Gli adempimenti richiesti dalle Linee Guida ANAC in materia di prevenzione dei rischi corruttivi
I sistemi di controllo anticorruzione e il coordinamento con i presidi 231: criticità di integrazione degli strumenti
L’analisi delle principali misure generali e i relativi termini di attuazione:
 gestione dei rischi corruttivi ex Legge n. 190/2012
 sistema dei controlli interni: allineamento e/o integrazione di regolamenti, procedure e protocolli
 Codice di comportamento: allineamento dei contenuti al DPR n. 62/2013?
 inconferibilità e incompatibilità: soggetti interessati, adempimenti operativi e attività di vigilanza
 pantouflage/revolving doors: soggetti interessati, adempimenti operativi e attività di vigilanza
 formazione
 il whistleblowing: l’urgenza di provvedere con adeguati interventi di regolamentazione interna in base ai recenti sviluppi normativi
 rotazione di dirigenti e dipendenti: operatività concreta e misure alternative
 monitoraggio: soggetti tenuti, periodicità, indicatori e forme di rendicontazione
L’individuazione di misure specifiche per le aree a maggior rischio: contratti pubblici, personale, nomine e incarichi, gestione delle entrate, delle spese e del patrimonio, etc: esempi pratici, prassi di riferimento e benchmark
I responsabili dell’attuazione delle misure di prevenzione
Rapporti e flussi informativi tra RPCT e OdV
Il ruolo del Consiglio di Amministrazione e dei Revisori
Strumenti concreti di analisi e gestione del rischio: protocolli di legalità, patti di integrità, rating di impresa, fraud detection e prevention, self cleaning
La ISO 37001 e l’analisi per una reale convenienza
Dott. Valerio Sarcone
Presidenza del Consiglio dei Ministri

 

Seconda giornata
Roma, giovedì 24 ottobre 2019

OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE, FOIA E BILANCIAMENTO PRIVACY

L’implementazione delle misure in materia di trasparenza amministrativa
La ripartizione di compiti, funzioni e responsabilità relativamente al ciclo di vita dei singoli obblighi (elaborazione, trasmissione, pubblicazione e controllo di dati e informazioni) nella sezione “Trasparenza” del PTPCT
Le verifiche sul corretto adempimento degli obblighi di pubblicazione e le forme di contestazione di eventuali inadempimenti
I poteri ispettivi, di vigilanza e sanzionatori dell’ANAC per rafforzare l’adempimento agli obblighi di trasparenza
La semplificazione degli obblighi di pubblicazione al fine di snellire gli adempimenti ed evitare duplicazioni tramite il rinvio a banche dati esterne o all’utilizzo del link di collegamento interno (il D. Lgs. n. 97/2016, la c.d. riforma Madia)
Cons. Anna Corrado
TAR Campania

Accesso agli atti, ai documenti e alle informazioni di PA e società pubbliche
Le diverse tipologie di accesso: accesso documentale, accesso civico semplice e FOIA
L’ambito soggettivo e oggettivo di applicazione dei tre istituti e gli strumenti di raccordo
La Circolare DFP n. 2/2017 per l’attuazione delle norme in tema di accesso generalizzato (c.d. FOIA)
Le esclusioni e i limiti alle istanze di accesso civico generalizzato: analisi della casistica più ricorrente
Le istanze di accesso civico generalizzato cd. “paralizzanti” o “massive” alla luce della più recente giurisprudenza
Avv. Mariastefania De Rosa
Avvocato e Dottore di Ricerca in Diritto Amministrativo
Esperto della Presidenza del Consiglio dei Ministri
già funzionario giuridico ANAC

La regolamentazione interna delle diverse forme di accesso: strumenti e prassi
La regolamentazione unica delle diverse forme di accesso ai sensi della Delibera ANAC n. 1309/2016 e della Circolare DFP n. 2/2017
La qualificazione delle istanze
Gli uffici competenti per la gestione delle diverse forme di accesso
La costituzione di un help desk FOIA
Il flusso procedimentale e la modulistica standard
Accesso civico semplice e generalizzato: il ruolo del RPCT
I termini procedimentali
La tutela dei controinteressati
Diniego ed esclusioni: i limiti al potere di regolamentazione interna del singolo Ente
Il registro degli accessi e il protocollo informatico
La pubblicazione proattiva
Le responsabilità correlate alla gestione delle istanze di accesso
Avv. Mariastefania De Rosa
Avvocato e Dottore di Ricerca in Diritto Amministrativo
Esperto della Presidenza del Consiglio dei Ministri
già funzionario giuridico ANAC

La giurisprudenza del giudice amministrativo e la prassi del Garante in materia di accesso civico generalizzato
Prof. Benedetto Ponti
Università di Perugia

Regolamento UE Privacy e trasparenza amministrativa
Le regole base per PA e società pubbliche in materia di protezione dei dati personali
La nuova figura del Data Protection Officer (DPO) o del Responsabile della Protezione dei Dati
Le linee guida per il trattamento dei dati personali
Le relazioni tra DPO e RPCT
Privacy vs trasparenza amministrativa: l’indebita diffusione di dati personali
Privacy vs accesso civico generalizzato
Avv. Rocco Panetta
Panetta & Associati

L’attività di vigilanza e i poteri di ANAC
Vigilanza e ispezioni dell’ANAC
Il potere d’ordine
Il potere sanzionatorio
La vigilanza collaborativa con ANAC
Il ricorso ai poteri di polizia tributaria
Le ispezioni congiunte e il ruolo della Guardia di Finanza
Prof. Avv. Mariano Protto
Università degli Studi di Torino

Le responsabilità di dirigenti e funzionari per la violazione degli obblighi di pubblicazione e accesso civico
Le responsabilità correlate agli obblighi di pubblicazioni
Le responsabilità correlate alla mala gestio dell’accesso civico semplice e generalizzato
La responsabilità dirigenziale
La responsabilità disciplinare
Il danno all’immagine della PA
Gli impatti sulla retribuzione di risultato
Le sanzioni pecuniarie
Prof. Avv. Mariano Protto
Università di Torino

Cons. Giancarlo Astegiano
Procuratore Regionale
Corte dei Conti

Prof. Avv. Gaetano Caputi
Scuola Nazionale dell’Amministrazione

Cons. Anna Corrado
Consigliere
TAR Campania

Avv. Mariastefania De Rosa
Avvocato e Dottore di Ricerca in Diritto Amministrativo
Esperto della Presidenza del Consiglio dei Ministri
già funzionario giuridico ANAC

Avv. Domenico Ielo
Partner
Ielo Mangialardi

Avv. Rocco Panetta
Managing Partner
Panetta & Associati
IAPP | Country Leader Italy and Board of Directors Member

Prof. Benedetto Ponti
Professore Associato
Università di Perugia

Prof. Avv. Mariano Protto
Ordinario di Diritto Amministrativo
Università di Torino

Dott. Valerio Sarcone
Ufficio di Segreteria
Stato, Città e Autonomie Locali
Presidenza del Consiglio dei Ministri

Quota di partecipazione in aula

La quota di partecipazione in aula include la consegna del materiale didattico in formato elettronico, la partecipazione alle colazioni di lavoro e ai coffee breaks, la possibilità di presentare direttamente ai relatori domande e quesiti di specifico interesse.

Quota di partecipazione in videoconferenza

La quota di partecipazione in videoconferenza include l’invio del materiale didattico in formato elettronico e la possibilità di presentare ai relatori domande e quesiti di specifico interesse a mezzo chat.

In caso di videoconferenza con accessi multipli è necessario contattare la Segreteria organizzativa per un preventivo personalizzato.

Modalità di funzionamento della videoconferenza

E’ possibile accedere all’evento formativo attraverso il proprio personal computer o il proprio tablet con una semplice connessione a Internet. La piattaforma tecnologica utilizzata da Optime non necessita infatti di requisiti tecnici particolari e non richiede di installare alcun software.

Alcuni giorni prima dell’evento il partecipante riceverà per posta elettronica le credenziali, le istruzioni di accesso e un test per verificare che la postazione da cui accede sia correttamente impostata. Il giorno del convegno basterà selezionare il link che troverà nella mail e inserire le credenziali per accedere all’aula virtuale.

Durante la lezione, oltre a vedere e sentire il docente sarà possibile visionare simultaneamente le slides di supporto appositamente predisposte.

Oltre che ascoltare il relatore e seguire la presentazione, ogni utente collegato potrà inoltre porre domande e quesiti su tematiche di specifico interesse a mezzo chat, alle quali il relatore risponderà al termine della relazione.

Modalità di iscrizione

L’iscrizione si intende perfezionata al momento del ricevimento del modulo di registrazione, da inviare via mail all’indirizzo info@optime.it, integralmente compilato. Il numero dei posti disponibili è limitato e la priorità d’iscrizione è determinata dalla data di ricezione del modulo di registrazione. Si consiglia pertanto di effettuare una preiscrizione telefonica.

Modalità di pagamento

La quota di partecipazione deve essere versata all’atto della presentazione della richiesta di iscrizione e in ogni caso prima dell’effettuazione dell’intervento formativo tramite bonifico bancario intestato a:

Paradigma srl – Corso Vittorio Emanuele II, 68 – 10121 Torino
c/o Banco Popolare Società Cooperativa
IBAN IT 78 Y 05034 01012 000000001359

Verrà spedita via email fattura quietanzata intestata secondo le indicazioni fornite.

Formazione finanziata

La quota di partecipazione all’iniziativa può essere completamente rimborsata tramite voucher promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Paradigma offre la completa e gratuita gestione delle spese di progettazione, monitoraggio e rendicontazione. La possibilità di accedere alla formazione finanziata con partecipazione mediante videoconferenza può variare a seconda dell’Ente erogante.

Attestato di frequenza e crediti formativi

Al termine dell’intervento formativo sarà rilasciato ai partecipanti che hanno regolarmente preso parte ai lavori l’attestato di partecipazione nominativo. Il rilascio dei relativi crediti formativi è subordinato alla approvazione degli Ordini Professionali. Lo stato degli accreditamenti sarà periodicamente aggiornato.

Si precisa che la partecipazione in videoconferenza non permette il riconoscimento dei crediti formativi professionali

Diritto di recesso e modalità di disdetta

E’ attribuita ai partecipanti la facoltà di recedere ai sensi dell’art. 1373 c.c. Il recesso dovrà essere comunicato in forma scritta almeno sette giorni prima della data di inizio dell’evento formativo (escluso il sabato e la domenica). Qualora la disdetta pervenga oltre tale termine o qualora si verifichi di fatto con la mancata presenza al corso, la quota di partecipazione sarà addebitata per intero e sarà inviato al partecipante il materiale didattico. In qualunque momento l’azienda o lo studio potranno comunque sostituire il partecipante, comunicando il nuovo nominativo alla nostra Segreteria organizzativa.

Variazioni di programma

Paradigma srl, per ragioni eccezionali e imprevedibili, si riserva di annullare o modificare la data dell’intervento formativo, dandone comunicazione agli interessati entro tre giorni dalla data di inizio prevista. In tali casi le quote di partecipazione pervenute verranno rimborsate, con esclusione di qualsivoglia onere o obbligo a carico di Paradigma srl. Paradigma srl si riserva inoltre, per ragioni sopravvenute e per cause di forza maggiore, di modificare l’articolazione dei programmi e sostituire i docenti previsti con altri docenti di pari livello professionale.

Per ulteriori informazioni o necessità è possibile contattare la Segreteria organizzativa al numero 011.538686 o all´indirizzo di posta elettronica info@paradigma.it.

Quota aula

€ 1.100 + Iva una giornata
€ 2.050 + Iva due giornate

Quota videoconferenza

€ 1.100 + Iva una giornata
€ 2.050 + Iva due giornate

In caso di videoconferenza con accessi multipli è necessario contattare la Segreteria organizzativa per un preventivo personalizzato.

Early booking -20%
Inviando il modulo di iscrizione entro il 2 ottobre si avrà diritto a una riduzione del 20% sulla quota di partecipazione.

Progetto Giovani Eccellenze -50%
L´adesione all’evento formativo permette di iscrivere una seconda risorsa che non abbia compiuto il 35° anno di età e proveniente dalla stessa organizzazione con una riduzione del 50% sulla seconda quota di partecipazione. L’agevolazione è calcolata sulla quota ordinaria.

Formazione finanziata
La quota di partecipazione all’iniziativa può essere completamente rimborsata tramite voucher promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Paradigma offre la completa e gratuita gestione delle spese di progettazione, monitoraggio e rendiconto. La possibilità di accedere alla formazione finanziata con partecipazione mediante videoconferenza può variare a seconda dell’Ente erogante.

Mercati elettronici della PA
Paradigma srl opera sul MePA e sui principali mercati elettronici di soggetti aggregatori e centrali di committenza.
Codice MePA – ANTICORR_RM232410


I campi con (*) sono obbligatori

Dati relativi all'evento

Dati relativi al richiedente

Dati per eventuale partecipante under 35

Dati per la fatturazione elettronica

  Split Payment:
Si
No

Per informazioni contattare


L'iscrizione all'evento formativo si intende perfezionata al momento del ricevimento, da parte di Paradigma SpA, del presente modulo di registrazione compilato in ogni sua parte, stampato, firmato e inviato via e-mail all'indirizzo info@paradigma.it. Riceverete via email conferma dell'avvenuta iscrizione.


I dati forniti a Paradigma SpA sono raccolti e trattati, con modalità anche informatiche, esclusivamente per evadere la Sua richiesta di partecipazione all’intervento formativo e svolgere le attività a ciò connesse. I dati potranno essere trattati, per conto di Paradigma SpA, da dipendenti e collaboratori incaricati di svolgere specifici servizi necessari all’esecuzione delle Sue richieste. Il conferimento dei suoi dati, pur essendo facoltativo, si rende necessario per l’esecuzione del servizio richiesto. Solo in caso di Sua autorizzazione i dati saranno inoltre conservati e trattati da Paradigma SpA per effettuare l’invio di materiale informativo relativo a prossime iniziative di Paradigma SpA. Lei potrà esercitare i diritti sanciti agli artt. 15 – 22 del Regolamento (UE) 2016/679 inviando una richiesta scritta a Paradigma SpA con sede in Torino, C.so Vittorio Emanuele II, 68, tel. 011.538686, fax 011.5621123. Letta l’informativa, acconsente all’utilizzo dei dati inseriti nel presente modulo per l’invio del materiale informativo?
Mod.3.4 rev. 3 del 30/11/2018